Tecnica impianto zigomatico

Impianto zigomatico a Bologna, tutto quello che devi sapere!

Impianto zigomatico: che cos’è

L'impianto zigomatico è un particolare tipo di impianto dentale che viene impiegato quando, nell’arcata superiore del cavo orale, l’osso disponibile è presente in scarsissima quantità o completamente assente. Lo Studio Degidi a Bologna è leader nel fornire questa tipologia di soluzione per ritrovare presto il tuo sorriso.

Si tratta di un impianto in titanio che viene inserito nell'osso zigomatico del mascellare. 

I denti della nostra bocca infatti sono complessivamente 32, divisi equamente tra l’arcata superiore, dove ne troviamo 16, e l’arcata inferiore, dove sono posizionati gli altri 16 denti.

L’osso che supporta i denti superiori è chiamato mascella, mentre la mandibola è quello che ospita l’arcata inferiore.

Considerando nel nostro specifico caso l’arcata superiore, la mascella si innesta a sua volta con l’osso zigomatico, che diventa il fulcro di questa tipologia di impianto dentale denominato impianto zigomatico

Quando subentra l’esigenza di un impianto zigomatico?

Spesso il paziente si lascia trasportare unicamente da fattori come il costo per la realizzazione dell'impianto, ma scopriremo in questo articolo che non è l'unico fattore da considerare. Durante la vita di una persona, può capitare che per diversi motivi (trauma, genetica, diabete, età, ecc.), non ci sia abbastanza osso per poter alloggiare i propri denti naturali, ma nemmeno per poter intervenire con una protesi tradizionale mobile (dentiera) o con degli impianti dentali a vite.

Ecco quindi che la soluzione si presenti andando ad intervenire direttamente sull’osso zigomatico, rinunciando definitivamente ai disagi derivanti da un intervento di trapianto osseo.

Presso lo studio Degidi, centro odontoiatrico di eccellenza a Bologna, lavoriamo inserendo l'impianto nell'osso zigomatico in modo da poter ricorrere al carico immediato: una tecnica che rende possibile inserire gli impianti e fissare la protesi definitiva in un solo intervento,  dando subito al paziente la possibilità di tornare a sorridere e masticare, accorciando i tempi di recupero.

Come si svolge l’implementazione di un impianto zigomatico?

La procedura di impianto zigomatico prevede l’innesto, sull’osso della mascella, di  4 o più viti di titanio di una lunghezza solitamente compresa tra i 2 e i 5 cm. 
Queste viti diventeranno quindi degli innesti su cui collegare un’arcata dentale nuova di zecca, che restituirà al paziente una masticazione regolare e normalizzata, senza dimenticare il fattore estetico.

La tecnologia brevettata dello studio Degidi a Bologna assicura inoltre una qualità superiore a costi più contenuti, unita ad un approccio non invasivo per migliorare la qualità della vita dei nostri pazienti.

L’impianto zigomatico permette di evitare la sostituzione dell’osso mascellare, un intervento con poche probabilità di successo che difficilmente riesce a ristabilire il normale assetto dell’arcata superiore. 

L’innesto dell’osso ha inoltre tempistiche più dilatate (minimo 6 mesi) ed è abbastanza doloroso e fastidioso. 

Gli impianti zigomatici invece, andando a stabilirsi direttamente sul processo zigomatico, permettono di intervenire in tempistiche molto ristrette (circa tre giorni) e di evitare gli inconvenienti dovuti alla sostituzione dell’osso. Inoltre questi interventi hanno percentuali di successo nettamente superiori rispetto a quelle della sostituzione dell’osso (98% quelle dell’impianto zigomatico, 62% quelle della sostituzione dell’osso).

I vantaggi dell’impianto zigomatico

Considerando i pro ed i contro di questo trattamento, a parità di costo e di condizioni di salute iniziali, l’impianto zigomatico è sempre preferibile alla ricostruzione dell’osso, in quanto implica:

  1. perdite di tempo minori
  2. minor sofferenze nel post operatorio
  3. maggior probabilità di successo
  4. minori problemi per coloro che subiscono l’operazione

Lo Studio Degidi di Bologna utilizza l’impianto zigomatico come rivoluzionaria alternativa al trapianto osseo.